25-26/9/2021 Dante alla Biblioteca Nazionale

Sabato 25 e domenica 26 settembre si celebrano in Italia le GEP – Giornate Europee del Patrimonio
(European Heritage Days), la più estesa e partecipata manifestazione culturale d’Europa.
La Biblioteca Nazionale Universitaria e l’Università degli Studi di Torino, in collaborazione con
l’Associazione Amici della Biblioteca e al Comitato di Torino della Società Dante Alighieri, hanno
scelto di offrire spunti di conoscenza e riflessione su un tema culturale di cui la Biblioteca ha preziose
testimonianze e in cui il 2021 rappresenta un importante anniversario: Dante Alighieri in occasione
dei 700 anni della morte. Tre iniziative che trovano luogo ideale nella Biblioteca e nel suo auditorium
Vivaldi. L’enorme e prezioso patrimonio di libri che custodisce rappresenta il sapere utile a “essere
tutti consapevoli e presenti nel mondo” in linea con l’obiettivo delle due giornate per il 2021
“Patrimonio culturale: TUTTI inclusi!”

Il convegno “Dante nella poesia del Novecento e dei primi anni del nuovo millennio” che si
svolgerà dal 21 al 25 settembre e che vedrà la partecipazione, tra i relatori, di oltre quaranta studiosi
italiani e stranieri, si propone di indagare i molteplici riusi poetici novecenteschi e dell’inizio del
nuovo millennio della Commedia, soffermandosi su quegli autori che sono stati anche esegeti e hanno
ribadito, attraverso questa doppia modalità di lettura, che il capolavoro dantesco si pone come un
paradigma irrinunciabile per la comprensione della complessa tragicità del Novecento.

La mostra “Tre artisti per Dante”, che sarà inaugurata il 21 settembre e sarà gratuitamente
visitabile fino al 10 ottobre 2021, propone un percorso tra le opere di tre artisti contemporanei che
hanno tratto ispirazione da Dante: Monika Beisner, che in cento miniature illustra integralmente la
Commedia, Domenico Ferrari, con le sue trentaquattro acqueforti dedicate all’Inferno, e Cesare
Pianciola, che nei suoi sedici acquerelli riprende in chiave moderna l’incanto dei primi codici miniati
del capolavoro dantesco. Il 25 settembre sarà visitabile dalle 09.00 alle 15.00 e il 26 settembre
dalle 11.00 alle 18.00

La fortuna della Commedia di Dante nella tradizione della Biblioteca Nazionale Universitaria
di Torino ha radici antiche: già nei fondi ducali, infatti, la Commedia era presente sia in versione
manoscritta sia a stampa. La Biblioteca del Regio Ateneo torinese, istituita da Vittorio Amedeo II nel
1720 ed aperta al pubblico nel 1723, che ereditò la maggior parte del patrimonio librario della
biblioteca ducale, incrementò, nel corso del tempo, tale fortuna con acquisizioni di vario genere. Oltre
alla mostra di illustrazioni contemporanee, il pubblico avrà l’opportunità di vedere esposti alcuni testi
della Commedia, manoscritti e a stampa, tra cui un’edizione del 1487 realizzata a Brescia dal
tipografo croato Dobrić Dobričević, corredata dal commento di Cristoforo Landino e impreziosita da
Con la collaborazione e il sostegno di eleganti xilografie, oltre a vari altri volumi danteschi                                                                                                                                                                                        (come quelli appartenuti alla Regina Margherita di Savoia), che testimoniano il
costante successo, nella storia dell’editoria, del capolavoro dantesco.

Il film “Dante per nostra fortuna” di e con Massimiliano Finazzer Flory, proiettato in prima a
Torino domenica 26 settembre alle ore 16.00 presso l’auditorium Vivaldi. Il film sarà preceduto da
un dialogo tra il regista e Giovanni Saccani, Presidente del Comitato Dante SettecenTO.
Racconta in 27 minuti e con 21 canti tra inferno, purgatorio e paradiso la Divina Commedia con la
danza contemporanea e gli occhi di un bambino, attraverso la metafora del teatro.
Declinato con lo sguardo di un Dante bambino innamorato della lettura con le coreografie di Michela
Lucenti con dieci danzatori, del Balletto Civile, in costume d’epoca e la danza della solista del Teatro
alla Scala, Maria Celeste Losa, ci fanno rivivere emozioni, sentimenti, passioni interpretando i versi
di Dante mentre udiamo la voce che recita i Canti.
Le scenografie digitali sono tratte dalle bellissime illustrazioni di Gustave Doré.
La colonna sonora è composta al pianoforte sulla base filologica ispirata dalla Divina Commedia.
La prima del film avvenuta a Ravenna nella Sala Dantesca il 25 marzo, a seguire per omaggiare
Virgilio a Mantova a Palazzo Te, a Verona nella Chiesa di San Fermo dove riposa il figlio di Dante,
Pietro. Per proseguire poi a Sarzana, Brescia, Lodi, Vigevano, Voghera. All’estero da Mosca a Hong
Kong e Manila, a Buenos Aires e Santo Domingo ma anche a Malta, Oslo, Tel Aviv, Miami.

Per l’occasione verrà esposta e sarà consultabile una preziosa edizione limitata della Divina
Commedia illustrata dai disegni di Mimmo Paladino edita da Forma.

PER TUTTI GLI EVENTI È RICHIESTO USO MASCHERINA E GREEN PASS
CONTATTI:
Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino
Piazza Carlo Alberto, 3 10123 Torino (TO)
eventi@abnut.it
www.bnto.librari.beniculturali.it/
www.facebook.com/B.N.U.Torino
https://www.abnut.it/giornate-patrimonio-2021/
Prenotazione obbligatoria per convegno e proiezione film scrivendo a eventi@abnut.it
Ingresso gratuito – Sono richiesti green pass e mascherina

leggi il comunicato stampa.

62 pensieri riguardo “25-26/9/2021 Dante alla Biblioteca Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.